lucio maurino_monicamaurino_1470

Il Karate di Lucio Maurino

Lo ammetto, usufruisco di un piccolo vantaggio: gioco in casa!

Tuttavia, Lucio Maurino, oltre ad essere mio fratello, è un punto di riferimento nel Karate Italiano e Internazionale. Lo è stato ieri da atleta, un vero e proprio talento con un palmares da fare invidia anche ai più quotati in altri sport, e lo è oggi come allenatore della nazionale giovanile FIJLKAM.

Mi ha chiesto di fotografarlo nel suo piccolo grande mondo, il suo dojo, in quel di San Leucio di Caserta. E così un giorno, l’ho raggiunto mentre si allenava. Ho sempre pensato che mio fratello fosse un perfezionista e ogni volta ne ho la conferma. Ma c’è di più. Guardandolo nell’esecuzione delle varie tecniche, non solo traspare la ricerca di un’accurata e precisa concretizzazione del gesto, ma anche lo stato di coscienza dello stesso. Trapela lo studio di una vita, l’unione tra mente e corpo, il lungo percorso dedicato alla propria condizione interiore. Emerge un grande rispetto verso quell’arte marziale che ha cambiato il suo modo di affrontare la vita e di vedere il mondo.

L’atmosfera di serenità e di pace è scandita dal suono del suo Kimono (l’abito che indossa) provocato dalla forza e dalla potenza del movimento. La mia completa attenzione è sulla scena, il mio unico timore è infastidirlo con la macchina fotografica ma la sua concentrazione è talmente alta da escludere la mia presenza dal suo raggio d’azione.

Ogni volta è un’esperienza mistica anche per me.

Se volete entrare nel merito del Karate e del pensiero di Lucio Maurino vi consiglio di leggere l’intervista di A. Giorgi: Lucio Maurino, la scienza del Karate.

Già che ci siete, date un’occhiata al sito  di Lucio Maurino.

_DSC1431